Calcio Salernitana
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Salernitana-Milan, le pagelle: che fatica per Lovato e Sambia, esordio ok per Ochoa

Il messicano decisivo nella ripresa, Radovanovic in difficoltà costante

Salernitana-Milan 1-2, le pagelle granata: 

Ochoa 6,5. Uscita avventata su Rafael Leao in occasione dell’1-0, poi però si esalta e para letteralmente di tutto. Almeno 5 interventi decisivi per tenere in vita i suoi.

Lovato 4,5. A tratti ridicolizzato da un Rafael Leao incontenibile. Fatica sin dal primo minuto di gioco, dopo un paio di svarioni contro l’avversario diretto, che in campo aperto è devastante, perde fiducia e colleziona errori a ripetizione. Dal 17’ st Daniliuc 6. Molto meglio del suo predecessore, quantomeno per energia e mentalità. 

Radovanovic 5. Bruciato pure lui da Rafael Leao in occasione dell’1-0, quando il Milan può correre in campo aperto lui fa una fatica pazzesca.  Per sua fortuna Giroud fallisce almeno un paio di palle gol. 

Fazio 6. Il migliore della retroguardia, l’unico a mettere qualche pezza nel primo tempo a tinte praticamente tutte rossonere. 

Sambia 5. Prima gara da titolare in stagione, alterna cose buone (non moltissime per la verità), a cose negative, come il tiro calciato alle stelle da ottima posizione. Potrebbe riscattarsi nella ripresa, quando a tu per tu con Tatarusanu, incrocia troppo il diagonale. Chance non sfruttata. Dal 39’ st Valencia sv

L. Coulibaly 6. Non è il solito leone del centrocampo, anche perché marca a uomo il mobilissimo Tonali, che lo toglie di fatto dalla battaglia in mediana. Si riscatta con l’assist perfetto per il 2-1 di Bonazzoli.

Bohinen 5,5. Buon avvio, sembra potersi ergere a protagonista di giornata, ma quando il Milan prende possesso del pallone e alza i ritmi lui va fisiologicamente in difficoltà. C’è ancora da lavorare per ritrovare la forma migliore.  Dal 39’ st Kastanos sv

Vilhena 5. Partenza incoraggiante anche per lui, solo che nelle occasioni chiave sembra sciogliersi come neve al sole. Cicca clamorosamente da ottima posizione.  Dal 17’ st Bonazzoli 7. Rete da opportunista, esultanza di rabbia, quasi a voler reclamare più spazio. Quando all’Arechi viene il Milan, lui si esalta. 

Bradaric 5,5. Dopo un paio di incertezze in avvio cresce con il passare dei minuti, sue un paio di discese interessanti, anche se fermate su più bello. Salva un gol con una diagonale perfetta su Diaz. 

Dia 5,5. Tanto lavoro, anche in fase di pressing, ma nessuna vera occasione per colpire, ad eccezione di un tiro murato dalla retroguardia rossonera. 

Piatek 5,5. Si muove molto pure lui, ma nessun varco per calciare verso la porta. Ci prova con una timida girata area su corner, nella ripresa si fa rimontare in area di rigore. 

All. Davide Nicola 5,5. Squadra che dopo una buona partenza affonda quando il Milan decide di alzare le marce. La velocità in campo aperto degli uomini di Pioli rischia di essere devastante, per sua fortuna i campioni d’Italia in carica non dilagano. Tardiva la reazione. 

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

"Chiunque penserà a questo ragazzo saprà che ha avuto certi comportamenti"...

Dal Network

  Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata...

  E’ calato il sipario sulla sessione invernale di calciomercato. Dopo le 20:00 di ieri,...

  Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976,...

Calcio Salernitana