Calcio Salernitana
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Sassuolo-Salernitana 2-2, Inzaghi: “Grande rammarico ma l’aria sta cambiando! Con me gioca solo chi vuole lottare, altrimenti…”

Il tecnico protesta anche per un rigore non assegnato

Sassuolo-Salernitana 2-2 lascia rimpianti a Filippo Inzaghi ai microfoni di Dazn: “Quando non vinci da tante partite, non fai un blitz esterno da gennaio è normale avere paura. Però voglio vedere più cattiveria, più fame, più voglia di uscire da questa situazione. Sappiamo che dobbiamo cambiare passo ma serve maggiore verve.

La partita? Sapevo che avremmo fatto un grande inizio. Avevo chiesto di partire forte, di andare avanti ma non possiamo subire quel gol come il primo. Abbiamo divorato il 3-1 con Tchaouna e nel secondo tempo il Sassuolo è tornato forte e noi siamo crollati perché le gambe vanno allenate. Lo stiamo facendo. Però, dobbiamo ripartire da qui: occore trovare presto questa vittoria che ci manca ma soprattutto che serve. Abbiamo il dovere di provarci già con la Lazio davanti alla nostra gente. Ci serve tanto, per noi, per l’ambiente, per la società.

Ochoa? E’ stato eccezionale nel secondo tempo ma nel primo la squadra ha fatto benissimo. Nella ripresa è subentrata la paura, ho cambiato tanto per cercare di risalire il campo. Ho tenuto due punte per tenere alta la squadra e non concedere troppe possibilità a Berardi, Laurientè, Defrel e Pinamonti.

Candreva? E’ uno dei nostri migliori giocatori, è un capitano. Ho fatto un’altra scelta e presto lo rivedremo al top perché ci serve tanto.

Rigore? Con tutti i rigori che hanno dato quest’anno questo va chiamato. Siamo piccolini e non ci lamentiamo. Non voglio attaccarmi a questo però questo si somma anche l’errore dello scorso anno.

Sosta? Ne andranno via otto. Da quando sono qui non ho mai avuto la possibilità di lavorare per una settimana con tutto l’organico fra Coppa Italia e anticipi di campionato. Ora però sento che l’aria sta cambiando: sono qui da un mese ma sento che l’impresa si può fare. Ci credo ciecamente, nessuno mi ha convinto ad accettare. Questa squadra deve imparare alcune cose ma sono motivato, so di aver capito tante cose. Con me giocherà chi vuole lottare mentre chi tira indietro la panchina resterà fuori”.

Subscribe
Notificami
guest

7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Dal Network

  Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata...

  E’ calato il sipario sulla sessione invernale di calciomercato. Dopo le 20:00 di ieri,...

  Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976,...

Calcio Salernitana