Calcio Salernitana
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Salernitana, le parole di Nicola: “Lazio squadra stimolante, i nostri tifosi ci mancheranno”

Le dichiarazioni del tecnico granata alla vigilia della gara dell’Olimpico

La Lazio è una squadra che ha capacità di gioco tra le linee importante, anche se non ci sono rotazioni, ha triangolazioni veloci, strette e rapide, sa giocare come una squadra che sa contrapporsi sia di reparto che a livello individuale. Sanno accelerare, sfruttare eventuali ripartenza, bravi a scivolare da tre a quattro e farlo con grande precisione, ma è una squadra che ci può dare una mano a migliorare sempre di più nell’interpretazione della linea difensiva“. Così Davide Nicola, introduce la sfida tra Salernitana e Lazio in programma domani all’Olimpico.

Per il trainer granata la sfida è un’ulteriore occasione di crescita. “Insieme al Napoli è la squadra che produce un gioco e un fraseggio più veloce, con grande tecnica, indubbiamente si tratta di una squadra da affrontare, anche sul profilo del palleggio. Hanno giocato giovedì in coppa, avanti non hanno grandi rotazioni in questo momento, ma sostanzialmente il loro gioco è quello. Quando parlo di mano, intendo che ci può offrire un input per migliorare l’interpretazione della gara, la Lazio ci costringerà a migliorare. L’intensità con il quale si gioca potrebbe permettere di colmare il gap sotto alcuni aspetti. Sta subendo poco, l’interpretazione della gara è sempre funzionale, è una squadra molto compatta, dovremo agire sui ritmi e sulla velocità, è stimolante incontrare una squadra che in questo momento ti impone di essere preciso e determinato per cercare di metterli in difficoltà e fare il nostro gioco. Bradaric e Dia si sono allenati regolarmente e sono a disposizione, Candreva può fare anche la mezz’ala“. 

Sull’assenza dei tifosi che hanno scelto di disertare la trasferta dell’Olimpico. “Mi ha fatto molto piacere l’allenamento a porte aperte, sarebbe bello avere questa possibilità una volta a settimana, cambia la percezione rispetto a un allenamento semplice, non ho la competenza per capire la scelta dei tifosi, di sicuro a noi sembrerà strano, perché in qualsiasi città ci sembrava sempre di essere quasi in casa, l’abbraccio che ci hanno regalato ci ha fatto molto piacere”. 

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

"Chiunque penserà a questo ragazzo saprà che ha avuto certi comportamenti"...

Dal Network

  Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata...

  E’ calato il sipario sulla sessione invernale di calciomercato. Dopo le 20:00 di ieri,...

  Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976,...

Calcio Salernitana