Calcio Salernitana
Sito appartenente al Network

Monza-Salernitana, le pagelle granata: disastro generale in Brianza

Non si salva praticamente nessuno

Monza-Salernitana 3-0 di seguito le pagelle granata:

Ochoa 5,5. Non perfetto sui primi due gol, evita almeno passivo più pesante con due interventi importanti su Vignato prima dell’intervallo e Colombo nel finale.

Daniliuc 4,5. Pesanti responsabilità su almeno due gol. Ci capisce poco, in sofferenza costante per 90′.

Gyomber 4. Tanti gli errori anche per lui, nonostante l’avversario diretto non trovi la rete personale.

Pirola 4. Troppo leggero sulla finta di Colpani in occasione dell’1-0, con un intervento di braccio regala anche il rigore che Pessina trasforma nel 3-0.

Kastanos 4,5. Nuovamente esterno, soffre quando Kyriakopoulos spinge. In fase offensiva è lezioso e inconcludente.  (Dal 38′ st Coulibaly sv). 

Bohinen 4. Surclassato dalla freschezza dei centrocampisti brianzoli, che sembrano avere tre marce in più. Non entra mai in partita (Dal 1′ st Maggiore 4,5. Male anche lui, un paio di errori in fase di impostazione da brividi).

Legowski 4,5. Un buono spunto in avvio, poi affonda pure lui. Sbaglia praticamente tutto. (Dal 1′ st Martegani 5,5. Un po’ di qualità e personalità in più, pur senza incidere).

Mazzocchi 4,5. Sul fondo non arriva quasi mai, e quando ci prova pasticcia. Dietro viene spesso messo in difficoltà da Ciurria.  (Dal 1′ st Bradaric 5,5. Parte con una bella accelerazione sulla corsia di competenza, poi si becca un giallo forse eccessivo, si innervosisce e non si vede più).

Candreva 5,5. L’unico a provarci seriamente, l’unico a spaventare il Monza. Di Gregorio gli nega due volte la rete con due grandi parate su due tiri super del centrocampista romano, che specie nella seconda occasione, avrebbe meritato il gol.

Cabral 4,5. Troppo testardo, non si libera mai della palla al momento giusto. Proprio come in occasione del raddoppio del Monza, che nasce proprio da un suo pallone perso in maniera sanguinosa (Dal 15′ st Stewart 6. Almeno mette in apprensione la difesa avversaria, ci mette voglia e fisicità).

Dia 5. Senza convinzione, senza cattiveria. Un primo tempo passato a trotterellare in mezzo al campo, nella ripresa va un po’ meglio e va vicino al gol con un tiro rimpallato sulla traversa. Ma è troppo poco per pensare che il leader offensivo della squadra sia tornato mentalmente e fisicamente al top.

All. Paulo Sousa 4. Prestazione a tratti disastrosa. Sacrifica un centrocampista e il Monza va a nozze, approfittando di spazi e praterie liberi da attaccare. Anche l’atteggiamento della sua squadra lascia perplessi, dopo 8 gare senza nemmeno una vittoria forse è arrivato il momento dell’addio.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Dal Network

  Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata...

  E’ calato il sipario sulla sessione invernale di calciomercato. Dopo le 20:00 di ieri,...

  Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976,...

Calcio Salernitana