Calcio Salernitana
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

Sassuolo-Salernitana, le pagelle granata: Ochoa è sempre super, blackout Maggiore

Segnali importanti da Tchaouna e Ikwuemesi

Sassuolo-Salernitana 2-2, di seguito le pagelle granata:

Ochoa 7.5 Miracoloso sul mancino ravvicinato di Castillejo, tradito dalla sua difesa sulle incursioni mortifere di Thorstvedt. Trema sui legni colpiti dai neroverdi, ma è decisivo ancora su Berardi, che da due passi si vede stoppato da un super Memo. Decisivo.

Daniliuc 5,5. Buona partenza con un paio di anticipi di fisicità. Con il passare dei minuti inizia a soffrire un po’ di più, come in occasione della sponda di Defrel sul gol del Sassuolo.

Dal 1′ st Bradaric 6,5. Ottimo ingresso a gara in corso. Buona diagonale su Pinamonti e bella chiusura sul mancino di Berardi dalla distanza.

Fazio 6. La cosa migliore la fa nel finale, quando contrasta Thorstvedt negando la tripletta allo scatenato norvegese. In precedenza aveva controllato Pinamonti senza eccessivi pericoli.

Pirola 6. Sempre pronto ad aiutare il terzino sinistro in raddoppio su Berardi, soffre quando Dionisi inserisce Mulattieri, che con la sua velocità mette in difficoltà l’intera difesa.

Mazzocchi 6,5. L’assist a Ikwuemesi dopo pochi minuti, poi diverse diagonali importanti, così come un paio di chiusure sul pericolosissimo Berardi. Rischia qualcosina sul contatto in area di rigore per un contatto con lo stesso Berardi, nella ripresa passa a destra senza accusare un calo di rendimento.

Maggiore 5. Partenza convincente anche per lui, pressa, corre, lascia poco spazio agli avversari. Ha le colpe più grandi però sulla rete che riapre il match, dimenticandosi totalmente del taglio di Thorstvedt che da due passi infila comodamente. Nella ripresa soffre la pressione dei padroni di casa, perde un paio di palloni sanguinosi.

Dal 38′ st Martegani sv. 

Bohinen 6. Ordinato, prova a far girare la squadra e la palla, non disdegna gli inserimenti e sembra molto più attivo del solito. Cala dopo l’intervallo.

Dal 15′ st Legowksi 5,5. Non convince, troppi errori quando il pallone passa dalle sue parti.

Coulibaly 5,5. Sembra salire di tono rispetto alle ultime uscite. Condizione in crescita, parte da interno mancino ma viene a prendere gli avversari anche fino alla fascia destra, nella ripresa perde un paio di palloni pericolosissimi in uscita.

Tchaouna 6,5. In fiducia, non ha paura a cercare la giocata. Come quando imbecca alla perfezione Dia in occasione del raddoppio. Ci prova con il destro dopo un ottimo inserimento ma il suo tiro finisce largo. Qualità e sfrontatezza, anche nella ripresa. Forse richiamato troppo presto in panca.

Dal 10′ st Candreva 5,5. Fatica a trovare grandi chance per far valere la sua qualità, anche perché la palla nella ripresa ce l’ha quasi sempre il Sassuolo. Un paio di ripiegamenti generosi.

Dia 7. Destro secco che illude gli oltre mille supporters granata. Il raddoppio infatti non serve a regalare il successo, nella ripresa prova a scuotere i suoi con un paio di accelerazioni palla al piede, ma i compagni sembrano non averne più.

Ikwuemesi 6,5. Lotta, sgomita (forse anche un po’ troppo), dà in ogni caso tutto. E trova il primo gol in serie A sfruttando al meglio il regalo di Vina (e l’assist di Mazzocchi), restando di ghiaccio di fronte a Consigli.

Dal 1o’ st Simy 6. Generosità, anche se la condizione risente inevitabilmente del lunghissimo periodo passato in naftalina.

All. Inzaghi 6. Doppio vantaggio illusorio, la squadra gira bene e mette in crisi il Sassuolo. Poi subisce il ritorno dell’avversario, e la squadra sembra perdere sicurezza e le certezze mostrate nei primi 30′. Alla fine il pari sembra andare anche bene dopo i miracoli di Ochoa.

Subscribe
Notificami
guest

1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Dal Network

  Il mondo del calcio si appresta a introdurre un cambiamento regolamentare di potenziale portata...

  E’ calato il sipario sulla sessione invernale di calciomercato. Dopo le 20:00 di ieri,...

  Quasi 48 anni dopo il trionfo di Adriano Panatta nel Roland Garros nel 1976,...

Calcio Salernitana